Sviluppo Locale

Taglio di Po, 25 novembre 2016

I Sindaci dell’#AreaInterna #ContrattodiFoce condividono gli argomenti e le priorità da portare alla discussione con il Comitato Tecnico Nazionale Aree Interne la settimana prossima a Roma.

Taglio di Po, 25 novembre 2016 I Sindaci dell'#AreaInterna #ContrattodiFoce condividono gli argomenti e le priorità da…

Geplaatst door Contratto di FOCE op vrijdag 25 november 2016

ROMA (Agenzia di Coesione), 30 novembre 2016

IL GOVERNO E LA REGIONE DEL VENETO HANNO UFFICIALIZZATO:
L’AREA INTERNA CONTRATTO DI FOCE DELTA DEL PO è “AREA SPERIMENTALE” per l’attuazione della Strategia Nazionale Aree Interne

Nella mattinata del 30 novembre 2016 si è svolta a Roma la prima riunione ufficiale dell’Area Interna Contratto di Foce Delta del Po scelta dal Governo Centrale come “Area Sperimentale” unica a livello nazionale per l’attuazione della Strategia Nazionale Aree Interne (SNAI). Quanto ipotizzato e proposto dall’Onorevole Enrico Borghi durante la sua visita nel Delta del Po il 14 ottobre scorso, è stato quindi condiviso e formalizzato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri in brevissimo tempo portando oggi all’avvio concreto delle attività e dei finanziamenti.
A sostenere da sempre l’iniziativa sul territorio e nelle relazioni con Roma, l’Onorevole Diego Crivellari che ha partecipato alla riunione, accompagnando e presentando la delegazione del Delta.
Crivellari commenta: “Si è trattato di un momento a suo modo storico per il nostro Delta. L’attenzione del governo verso il nostro territorio come area sperimentale ci riempie di soddisfazione e ci carica di una responsabilità importante, ora entriamo nella fase operativa e progettuale di un percorso innovativo che potrà realmente ridisegnare il futuro del Delta e accompagnarne la crescita nei prossimi anni, attraverso la realizzazione di progetti che saranno finanziati direttamente da fondi nazionali ad europei”.

La riunione è stata organizzata dal Comitato Tecnico Nazionale Aree Interne, coordinato da Sabrina Lucatelli, che ha spiegato le motivazioni della scelta dovute alle peculiarità idrografiche, ambientali e socio economiche dell’area e all’esistenza di un processo partecipativo in atto con il Contratto di FOCE in grado di facilitare e dare concretezza alla #SNAI alla scala locale. Il Comitato ha ribadito che si tratta di un’area sperimentale “in positivo”, scelta per le sua forte identità e per le notevoli potenzialità.

Alla riunione hanno partecipato i referenti di alcuni dei ministeri coinvolti nella SNAI che hanno fatto il punto sull’utilizzo dei fondi strutturali per le Aree Interne dando indicazioni tecniche utili all’Area Interna Contratto di Foce.
Presente inoltre la Regione del Veneto con il dr. Pietro Cecchinato, direttore della Direzione Programmazione Unitaria della Regione del Veneto, e una delegazione formata da diversi dirigenti e funzionari referenti delle Autorità di Gestione dei fondi strutturali FSE, FESR, FEASR e FEAMP gestiti dalla Regione del Veneto. Il dr.Cecchinato ha comunicato che la Regione del Veneto con informativa di giunta nei giorni scorsi ha preso atto della scelta del Governo Centrale di premiare il territorio del Delta del Po, pregiandosi di avere sul proprio territorio un’area sperimentale e confermando interesse e disponibilità dei propri uffici a seguire direttamente le attività previste per arrivare nel breve tempo a cantierare i progetti.

La delegazione del Delta era formata dal Sindaco del Comune di Rosolina Franco Vitale, che in qualità di Sindaco Referente dell’Area ha riassunto brevemente problematiche e conflittualità presenti sull’area e ha illustrato il percorso fatto con i colleghi Sindaci soprattutto in merito all’associazionismo, dal vice Sindaco Daniele Grossato che ha approfondito su ambiente e turismo, dal Sindaco del Comune di Porto Tolle Claudio Bellan portavoce delle questioni riferite alla pesca e alla riqualificazione del sito ex-industriale dell’Enel che troverà indirizzi strategici proprio grazie alla Bozza SNAI in elaborazione.
Era inoltre presente la Segreteria Tecnica del Contratto di Foce (Giancarlo Mantovani, Laura Mosca) rappresentata dall’arch. Laura Mosca in qualità di coordinatore tecnico scientifico del progetto, che ha illustrato la metodologia operativa e l’impostazione data alla Bozza SNAI.

“Siamo molto soddisfatti e pieni di entusiasmo per la fiducia che ci ha dimostrato il Governo Centrale” sostiene il Sindaco Referente Franco Vitale e aggiunge che “siamo consapevoli che questo potrebbe essere un momento storico per il miglioramento della governance locale”. Il Sindaco Claudio Bellan nel riconoscere la grande opportunità concessa evidenzia che “questo è il momento per alzarsi e lavorare insieme, oltre i campanili e le bandiere per migliorare la qualità e le aspettative di vita nel Delta del Po”.

 

ROMA (Agenzia di Coesione), 30 novembre 2016#ContrattodiFoce #DeltadelPo #CISIAMO #AVANTITUTTA IL GOVERNO E LA REGIONE…

Geplaatst door Contratto di FOCE op maandag 5 december 2016

Condividi